Una politica (radicale) per ridurre le diseguaglianze

CSF_PP53

 Alberto Majocchi
 




 Maggio 2022

 Nella teoria economica dominante, in un mercato caratterizzato da condizioni di libera concorrenza, senza la presenza di esternalità e produzione di beni pubblici, il livello di produzione e di occupazione viene massimizzato senza che sia necessario un intervento pubblico per garantire il raggiungimento di questi obiettivi. E anche nella teoria della finanza pubblica un intervento pubblico è giustificato unicamente per la correzione dei fallimenti del mercato (beni pubblici e esternalità), ovvero per l’introduzione di una legislazione anti-monopolistica che sia in grado di garantire la concorrenzialità del mercato. Nella classica tripartizione di Richard Musgrave  riguardo alle funzioni della finanza pubblica è anche previsto un intervento pubblico per correggere la distribuzione determinata dal mercato e avvicinarla a una distribuzione che corrisponda alle preferenze di una data comunità. E gli strumenti da utilizzare a questo fine sono essenzialmente la spesa sociale e l’imposta progressiva sul reddito. [...]

Centro Studi Federalismo

© 2001 - 2021 - Centro Studi sul Federalismo - Codice Fiscale 94067130016

Fondazione Compagnia San Paolo
Le attività del Centro Studi sul Federalismo sono realizzate con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo
Fondazione Collegio Carlo Alberto
Si ringrazia la Fondazione Collegio Carlo Alberto

Questo sito web utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità.